Alla scoperta del cavolo nero, il famoso cavolo toscano!





Essenziale in molte ricette di tradizione toscana riesce, con il suo sapore “piccantino” e leggermente amarognolo, a dare un carattere particolare a tanti piatti rustici… Conosciuto anche come cavolo toscano o cavolo palmizio, viene coltivato soprattutto nell’Italia centrale e meridionale. Ha foglie verdi molto scure, arricciate, con una costola centrale, che si attacca a un torsolo duro. Quando lo acquistate, verificate che i bordi delle foglie non siano ingialliti e conservatele in frigo, in un sacchetto di carta, per 2-3 giorni al massimo. Si consuma durante i mesi invernali, preferibilmente dopo le prime gelate, quando le foglie sono più tenere e gustose

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 12 Marzo 2019

Potrebbero interessarti anche »

Lascia un commento »